FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Milano, rapine ed estorsioni: arrestati 9 membri di una baby gang | Gip: "Molta ferocia per 5 euro"

I ragazzini hanno tra i 16 e i 17 anni: per cinque di loro è stato disposto il carcere. A tutti sono contestati episodi violenti commessi con "organizzazione e consolidata esperienza criminale"

I carabinieri hanno arrestato 9 ragazzini italiani di età compresa tra i 16 e i 17 anni, membri di una baby gang accusata di 11 episodi violenti avvenuti tra Milano e Abbiategrasso dal luglio al novembre 2018. Per cinque di loro è stato disposto il carcere e per 4 il collocamento in comunità. A tutti sono contestati percosse, lesioni, minacce, rapina ed estorsioni ai danni di coetanei e maggiorenni, con "una particolare ferocia del gruppo".

"Ferocia per 5 euro o per un cappellino" - Nell'ordinanza del gip dei minorenni di Milano si legge che "le modalità con le quali sono stati compiuti i reati denotano una particolare ferocia del gruppo, che ha agito come un vero e proprio branco". Una ferocia e una violenza messe in atto, sempre secondo il gip, anche solo per impossessarsi, come accaduto, di un cappellino o di 5 euro.

"Organizzazione ed esperienza criminale" - Le indagini sono state avviate a ottobre 2018 e hanno consentito di accertare le responsabilità a carico dei minori in 11 differenti episodi commessi da luglio a novembre, sempre del 2018, sia a Milano sia ad Abbiategrasso. Dalle indagini, condotte con la raccolta di dettagliate denunce e testimonianze, è emerso come la modalità delle aggressioni da parte del "branco" fosse frutto di una precisa pianificazione, organizzazione e consolidata esperienza criminale.

Il branco colpiva per "generare paura e sgomento" - Sempre l'ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip spiega che la baby gang colpiva con lo scopo di "ingenerare nelle vittime, in molti casi coetanei spesso conosciuti, paura, smarrimento e sgomento". "Questi ragazzi agivano in gruppo con finalità di sopraffazione più che predatoria", conclude il gip. A volte il bottino era "davvero esiguo" e ottenuto "con azioni spesso improvvisate, anche se messe in atto secondo un consolidato modus operandi prendono di mira vittime casuali".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali