FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Esplosione nel Milanese, distrutto lʼultimo piano di una palazzina: 6 feriti

Boato nella notte a Sesto San Giovanni. Tra le persone coinvolte, tutte in modo non grave, anche un bambino di un anno. Sfollati in 18

Un'esplosione ha distrutto l'ultimo piano di una palazzina a Sesto San Giovanni, alle porte di Milano. Secondo quanto riporta l'Areu, l'Agenzia regionale emergenza e urgenza, sei persone sono rimaste coinvolte in modo non grave. Tra loro anche un bimbo di circa un anno. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, il personale del 118, carabinieri e polizia. Pare che l'esplosione sia dovuta a una fuga di gas.

Esplosione nel Milanese, distrutto lʼultimo piano di una palazzina

L'esplosione è avvenuta intorno alle 5 del mattino in un edificio di via Villoresi e ha coinvolto due nuclei familiari in due appartamenti attigui. Cinque dei sei feriti erano in uno dei due appartamenti e hanno subito traumi lievi: si tratta di due donne di 62 e 32 anni, due uomini di 68 e 34, e del bimbo, il più grave tra i feriti, pare colpito da un oggetto caduto da un mobile. Tutti fanno parte di una famiglia di origini albanesi.

Il sesto ferito, un anziano di 73 anni, che viveva nell'altro appartamento, ha riportato ustioni di secondo grado. Ciò fa supporre che l'esplosione, sulla cui causa stanno indagando i vigili del fuoco, sia avvenuta nell'appartamento di quest'ultimo. Tre feriti, tra cui l'ustionato, sono stati portati al Niguarda e tre all'ospedale San Raffaele. Nessun passante, vista anche l'ora dello scoppio, è rimasto ferito dalla caduta dei calcinacci sulla strada.

Verso mezzogiorno, quando i tecnici avevano appena terminato la rimozione di gran parte dei detriti, è avvenuto un altro crollo nella palazzina. Il nuovo episodio ha reso del tutto evidente l'instabilità del palazzo e ne ha confermato l'inagibilità. Il Comune ha nel frattempo provveduto tempestivamente a collocare sette famiglie in un albergo poco distante, mentre le altre famiglie hanno deciso di trasferirsi da parenti, famigliari o amici. Si sta valutando anche l'agilità della palazzina adiacente in cui sono stati danneggiati due balconi: si sta provvedendo ad abbattere quanto è rimasto dei balconi in modo da evitare che i residui possano crollare.

Sindaco: "Forse è scoppiata una tubatura" - "E' probabile che l'esplosione sia dovuto allo scoppio di una tubatura del gas. Nell'appartamento vive un anziano", ha spiegato il sindaco di Sesto San Giovanni, Roberto Di Stefano. "Ci sono 18 sfollati, 12 famiglie coinvolte. Ci stiamo attivando per sistemarle in maniera adeguata". L'esplosione ha determinato la distruzione delle pareti su diversi lati dell'appartamento, tanto che dall'esterno è visibile l'arredamento dei locali. I detriti hanno danneggiato anche una palazzina vicina.

Testimone: "Forte boato, come una bomba" - "Un forte boato, forte come una bomba. Ecco cosa abbiamo sentito alle 5 di mattina. L'esplosione ci ha sorpresi nel sonno". Lo ha raccontato una donna che abita davanti alla palazzina di Sesto San Giovanni. La testimone ha spiegato che l'uomo, nel cui appartamento si sarebbe verificata l'esplosione, "viveva solo, la moglie è morta non più di tre anni fa. Ultimamente non stava bene di salute, speriamo si riprenda dallo spavento".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali