FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Infezioni in ospedale, è allarme: oltre 49mila morti in un anno

Secondo il Rapporto Osservasalute 2018, in Italia si registra il 30% di tutte le morti per sepsi segnalate nei 28 Paesi dellʼUe

Infezioni in ospedale, è allarme: oltre 49mila morti in un anno

Scatta l'allarme per la mortalità causata dalle infezioni ospedaliere. Si è passati infatti dai 18.668 decessi del 2003 ai 49.301 del 2016, secondo il Rapporto Osservasalute 2018 presentato a Roma. In particolare, in Italia si registra il 30% di tutte le morti per sepsi nei 28 Paesi Ue. "C'è una strage in corso, ma il fenomeno viene sottovalutato e considerato ineluttabile", ha detto Walter Ricciardi, direttore dell'Osservatorio sulla Salute.

Emergenza sepsi negli ospedali - "Abbiamo osservato il fenomeno per anni e oggi possiamo dirlo: quella delle sepsi in ospedale è una vera emergenza, con numeri più che raddoppiato in pochi anni", ha sottolineato Ricciardi. "Eppure non si interviene come si dovrebbe, per esempio applicando il piano nazionale contro l'antibioticoresistenza che è rimasto lettera morta".

Più colpiti gli anziani - I dati mostrano come il fenomeno incida maggiormente fra gli over 75, con 36.824 decessi solo nel 2016. A livello regionale, poi, la crescita della mortalità sepsi-correlata nella classe di età "75 anni e oltre" è un fenomeno generalizzato a tutte le aree del Paese. E dal 2016 la situazione non è migliorata. "Abbiamo studiato questo fenomeno per tre anni, ora possiamo parlare di emergenza nazionale: il Piano nazionale di contrasto alla resistenza agli antibiotici c'è, ma è rimasto sulla carta. Occorre intervenire per contrastare efficacemente un problema davvero insidioso, che ormai è diventato un'emergenza nazionale", ha concluso Ricciardi.

Aumentano le infezioni ospedaliere in Italia

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali