FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il Papa alle imprese petrolifere: "Siete responsabili di poveri e ambiente"

Bergoglio ha sfidato i partecipanti allʼincontro a usare la loro "audace immaginazione" e a creare strade che tengano conto dei più poveri, delle diverse specie e di tutto lʼecosistema

Il Papa alle imprese petrolifere: "Siete responsabili di poveri e ambiente"

"Non disponiamo della cultura necessaria per affrontare questa crisi ambientale". Così il Papa ha ammonito i partecipanti al Simposio per i dirigenti delle principali imprese petrolifere ed energetiche, che si è svolto il 9 giugno in Vaticano. Bergoglio ha ricordato che la Terra è come "una casa comune" e le nuove leadership hanno la responsabilità di agire nei confronti dei più poveri, i primi ad essere colpiti dai cambiamenti climatici.

La responsabilità dei dirigenti "Vorrei esortarvi affinché coloro che hanno dimostrato la loro attitudine all'innovazione e a migliorare la qualità della vita di molti col proprio ingegno e la propria competenza professionale", prosegue il Pontefice, "possano contribuirvi ulteriormente ponendo le proprie capacità al servizio di due grandi fragilità del mondo odierno: i poveri e l'ambiente". Non usa mezzi termini Papa Francesco: indica con chiarezza la strada che i dirigenti delle imprese petrolifere ed energetiche dovrebbero seguire. Tutto il discorso ruota attorno a due concetti cardine: il nostro pianeta è "una casa comune" e l'umanità è "un unico insieme": "Vi invito a essere il nucleo di un gruppo di leader che immagina la transizione energetica globale in un modo che tenga conto di tutti i popoli della Terra, come delle future generazioni, e di tutte le specie e gli ecosistemi".

I poveriIl Santo Padre punta il dito contro gli effetti del riscaldamento globale. Non solo gli oceani che aumentano di temperatura e gli animali che si estinguono, ma anche e soprattutto gli uomini: "Sono i poveri a soffrire maggiormente delle devastazioni dei cambiamenti climatici, con le crescenti perturbazioni in campo agricolo, l'insicurezza della disponibilità d'acqua e l'esposizione a gravi eventi meteorologici". Non sono conseguenze di cui ci si può dimenticare, è il sottinteso nel discorso, perché vengono a bussare direttamente alle nostre porte. "Molti di quanti possono a malapena permetterselo sono già costretti ad abbandonare le loro case e a migrare in altri luoghi, senza sapere come verranno accolti. Molti di più dovranno farlo in futuro", ricorda il Pontefice.

La cultura e l'immaginazioneBergoglio poi va oltre e sembra quasi provocare e stimolare gli ospiti all'incontro. "Il problema è che non disponiamo ancora della cultura necessaria per affrontare questa crisi e c'è bisogno di costruire leadership che indichino strade, cercando di rispondere alle necessità delle generazioni attuali includendo tutti, senza compromettere le generazioni future", ha detto citando la sua seconda enciclica, "Laudato sì", incentrata proprio sul rispetto dell’ambiente. Il Santo Padre non divide il mondo in dirigenti con una coscienza ambientalista e petrolieri a cui non interessano le conseguenze delle loro azioni. La presenta invece come una sfida, come "la più grande opportunità di una leadership per incidere in modo duraturo a favore della famiglia umana, un'opportunità che fa appello alla vostra più audace immaginazione". La differenza è fra chi l'accetta e chi si arrende.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali