FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Maltempo in Valtellina, frana a Valfurva: enormi massi sulla strada

Dopo le abbondanti piogge della notte, una maxifrana si è abbattuta sulla provinciale 29 tra SantʼAntonio e Santa Caterina Valfurva, nel territorio comunale di Valfurva (Sondrio). Non si registrano feriti visto che a quellʼora, prima delle 7, la strada che porta al passo del Gavia era ancora chiusa, in seguito ai provvedimenti presi a giugno dai geologi e dai tecnici di Arpa che avevano rilevato dei movimenti nel megadissesto del Ruinon. Da allora la provinciale è stata a lungo interdetta al traffico, a titolo precauzionale, e riaperta poi a singhiozzo, ma solo di giorno. Le proteste degli operatori economici della zona, fortemente danneggiati, e intenzionati ad avviare una causa legale per danni, avevano sortito lʼeffetto di dilatare le finestre di apertura al traffico. Stamane, però, se la provinciale fosse stata transitabile ci sarebbero stati evidenti rischi per lʼincolumità delle persone visto che sono rotolati a valle, sulla strada, massi giganti dalla frana del Ruinon.
(Foto Facebook Massimo Sertori)

Maltempo in Valtellina, frana a Valfurva: enormi massi sulla strada

clicca per guardare tutte le foto della gallery

Dopo le abbondanti piogge della notte, una maxifrana si è abbattuta sulla provinciale 29 tra Sant'Antonio e Santa Caterina Valfurva, nel territorio comunale di Valfurva (Sondrio). Non si registrano feriti visto che a quell'ora, prima delle 7, la strada che porta al passo del Gavia era ancora chiusa, in seguito ai provvedimenti presi a giugno dai geologi e dai tecnici di Arpa che avevano rilevato dei movimenti nel megadissesto del Ruinon. Da allora la provinciale è stata a lungo interdetta al traffico, a titolo precauzionale, e riaperta poi a singhiozzo, ma solo di giorno. Le proteste degli operatori economici della zona, fortemente danneggiati, e intenzionati ad avviare una causa legale per danni, avevano sortito l'effetto di dilatare le finestre di apertura al traffico. Stamane, però, se la provinciale fosse stata transitabile ci sarebbero stati evidenti rischi per l'incolumità delle persone visto che sono rotolati a valle, sulla strada, massi giganti dalla frana del Ruinon.
(Foto Facebook Massimo Sertori)