FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Camionista muore nel Bolognese, collega arrestato per omicidio

Lʼuomo è stato travolto dopo una lite, ma non è chiaro se lʼaltro autista volesse davvero ucciderlo o se sia andato oltre le intenzioni

Camionista muore nel Bolognese, collega arrestato per omicidio

Ci potrebbe essere una lite dietro la morte di un camionista 47enne, Rachid Nfir, travolto e ucciso venerdì mattina nel piazzale dello zuccherificio Coprob di Minerbio, nel Bolognese. L'uomo è stato investito dal camion di un collega, un 51enne calabrese, con il quale aveva avuto una violenta discussione poco prima: il secondo autista è stato arrestato per omicidio, ma la dinamica ancora non è chiara.

La ricostruzione dei carabinieri, che hanno ascoltato vari testimoni, tende a escludere che l'investimento sia stato accidentale, ma non è chiaro se l'uomo volesse realmente uccidere Rachid Nfir o se le conseguenze siano andate oltre le sue intenzioni.

I militari stanno sentendo anche un altro collega della vittima, che avrebbe assistito alla scena. Nel piazzale i carabinieri hanno inoltre trovato e sequestrato una mazza, buttata a terra vicino ai due camion, con la quale secondo i testimoni il calabrese aveva minacciato la vittima.

La lite fra i due, scoppiata pare per questioni di natura stradale, sarebbe avvenuta giovedì, con un probabile strascico venerdì mattina prima dell'incidente. Entrambi i camionisti risultano lavorare per ditte di trasporto che portavano barbabietole dalla Calabria, dove anche la vittima risiedeva con la moglie e tre figli.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali