FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Crotone, diciottenne ucciso a colpi dʼarma da fuoco dopo una lite

Lʼomicidio di Giuseppe Parretta è avvenuto in pieno centro. Fermato il presunto autore del delitto, il 57enne Salvatore Gerace, già noto alle forze dellʼordine

Crotone, diciottenne ucciso a colpi d'arma da fuoco dopo una lite

Un ragazzo di 18 anni, Giuseppe Parretta, è stato ucciso a colpi d'arma da fuoco a Crotone. L'omicidio è avvenuto in via Ducarne, nel centro storico della città. Il presunto autore del delitto è già stato fermato. Si tratta di Salvatore Gerace, di 57 anni, già noto alle forze dell'ordine. L'omicidio sarebbe avvenuto al culmine di una lite sulla cui origine sono in corso accertamenti da parte della squadra mobile.

Parretta era figlio di Katia Villirillo, presidente di un'associazione che si occupa di contrasto alla violenza contro le donne ed il delitto è stato commesso all'interno della sede della stessa associazione. Il giovane, secondo i primi accertamenti, è stato colpito da almeno tre proiettili al torace.

All'origine del delitto vi sarebbero stati contrasti di vicinato con il presunto autore dell'omicidio, Salvatore Gerace, che abita nella zona. L'uomo, dopo il delitto, sarebbe rimasto sul posto in attesa della polizia, consegnandosi poi agli agenti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali