FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Allevamento da incubo a Perugia: cavalli tenuti in condizioni critiche

Striscia la Notizia mostra lo stato in cui versa il centro di recupero "LʼArca di ALO"

Un allevamento da incubo. A Perugia Edoardo Stoppa documenta la situazione di un centro di recupero cavalli, “L’Arca di ALO”, tenuto in pessime condizioni. Il proprietario è Alain Hertz, una “presunta” guardia giurata eco zoofila che contatta sistematicamente tante associazioni sul territorio italiano per prendere con sé questi animali maltrattati: una volta giunti nella sua fattoria, però, gli animali vengono gestiti in condizioni davvero precarie. “Questi animali non sono custoditi in modo corretto e niente è a norma”, dichiara un testimone ai microfoni di Striscia la Notizia.

Non solo gli animali ma anche la famiglia di Hertz vive nella struttura in condizioni igienico sanitarie pessime. Dopo la segnalazione del tg satirico intervengono i carabinieri e i veterinari dell’Usl e accertata la gravità della situazione, la casa viene dichiarata inagibile e i bambini vengono affidati ai nonni, per poi essere seguiti dai servizi sociali. Tutti i cavalli invece sono stati trasferiti sotto la tutela di un’associazione progetto Islander, ma hanno bisogno di cure immediate.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali