FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Sulmona, no alle merendine a scuola: "Meglio il pane con la marmellata"

Lʼiniziativa della dirigente in collaborazione con Coldiretti. "Lʼobiettivo è educare i ragazzi alla buona alimentazione e combattere lʼobesità"

Sulmona, no alle merendine a scuola: "Meglio il pane con la marmellata"

Al prossimo suono della campanella, gli studenti dell'istituto comprensivo Lombardo-Radice-Ovidio di Sulmona (L'Aquila) tireranno fuori dai loro zaini solo pane, olio e marmellata. La proposta, che può contare sulla collaborazione di Coldiretti, arriva dalla dirigente Gabriella Di Mascio, con l'obiettivo di "educare i giovani alla sana alimentazione, perché il cibo spazzatura, come le merendine confezionate, sta producendo troppi casi di obesità tra i ragazzi" Non un'imposizione ma un suggerimento il suo, reso noto tramite una circolare, che spera di avere un riscontro positivo tra i genitori.

Un caso isolato che tenta di espandersi - La notizia dell'istituto comprensivo Lombardo-Radice-Ovidio arriva pochi giorni dopo quella della scuola Piscicelli di Napoli, dove per motivi di sicurezza e igiene la preside ha deciso di bandire gli spuntini fatti in casa e favorire il consumo di merende confezionate. In Abruzzo invece, Coldiretti sta avviando una campagna di sensibilizzazione per avvicinare i più giovani al tema dell'educazione alimentare. Gli studenti della scuola materna Celidonio, sempre di Sulmona, hanno trascorso una mattinata alla scoperta del "ciclo dell'uva", con tanto di dimostrazione di torchiatura e degustazione finale. "Abbiamo scelto Sulmona come primo paese per questo progetto - spiega il direttore provinciale di Coldiretti Domenico Roselli - ma speriamo di ripeterci in altre occasioni, magari per la raccolta dell'ulivo".

Difesa dell'alimentazione ma anche dell'ambiente - "Già ora nel nostro istituto, in particolare nella scuola media Ovidio, i distributori automatici forniscono solo pane e pizza - racconta la Di Mascio al quotidiano locale Il Germe - Niente merendine confezionate: il nostro obiettivo è sostituirle completamente nelle abitudini alimentari dei nostri studenti. Sarà un po' complicato da gestire, ma i benefici saranno evidenti". Alla campagna per una sana alimentazione, la scuola sta cercando di affiancare quella per il rispetto della Terra e dell'ambiente, con l'obiettivo di diventare plastic-free. "Ci stiamo muovendo per eliminare le bottiglie di plastica – conclude la preside – e sostituirle con delle borracce personalizzate che ogni alunno potrà avere in dotazione”.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali