FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Islanda, riapre la caccia alle balene: ucciso il primo esemplare di 20 metri

Dopo tre anni di sospensione la compagnia Hvalur ha ripreso a catturare i giganti del mare

Era dal 2017 che il sangue delle balene non tingeva di rosso il mare dell'Islanda, ma la compagnia Hvalur ha deciso di riprendere la caccia a questi grandi mammiferi. Così il primo esemplare, lungo più di 20 metri, è stato catturato e trasportato alla stazione baleniera di Hvalfjörður per essere macellato.

Le immagini della sua carcassa in via di sezionamento sono state diramate sui social scatenando l'ira degli utenti verso la Hvalur. Quest'ultima può cacciare quest'anno 161 esemplari, ma potrebbe arrivare fino a 191 animali: infatti, la compagnia può recuperare il 20% delle quote degli anni in cui non ha ucciso. Le prede prescelte sono le balenottore comuni, il secondo animale più grande del mondo e che è stato inserito nelle specie in pericolo di estinzione.

L'obiettivo di queste uccisioni è la creazione di prodotti alimentari dalla carne, grasso e ossa: l'Islanda, infatti, è l'unico Paese oltre alla Norvegia a permettere la caccia alla balene ai puri fini commerciali (il Giappone ufficialmente uccide questi mammiferi per scopi scientifici).

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali